Venerdì 25 Giugno 2010

"Io ti aspetto qui": Elisa Vanelli è tornata

Un best seller annunciato, in certo senso commissionato dagli stessi lettori. Si tratta del sequel de "L'amore imperdonabile" il romanzo di Giuseppe Guin (Book Editore) - uscito lo scorso luglio e oggi alla quarta edizione - che aveva lasciato con il fiato sospeso, in attesa di un sospiratissima continuazione, ora annunciata per i primi di luglio.
E l'impressione è che l'autore, una volta concluso il romanzo con un finale inquietante, interrotto sulla misteriosa "scomparsa" di Elisa Vanelli, protagonista della  tormentata storia d'amore che regge l'intera trama, avesse già sulla punta della penna i successivi capitoli della vicenda. A un anno di distanza, il racconto riprende tornando ad animare quel mondo intriso di colori e umori del lago di Como, un microcosmo che a metà degli anni Cinquanta esprimeva atmosfere e linguaggi tipici e fortemente suggestivi, nel quale Guin ha inserito la sua vena originale e convincente.
È la stessa Elisa a ricomparire sulla scena già nell'incipit del nuovo romanzo che non elimina comunque l'alone di mistero che colora di giallo, pur con l'aggiunta di altre variegate tinte, anche il successivo intreccio: a ben vedere, la Vanelli, che assorbe immediatamente tutta l'attenzione e la curiosità del lettore, viene vista da una beghina del paese, la Gloria, che la sorprende mentre entra nel convento dei monaci Benedettini che si affaccia sullo stesso panorama lariano.
Resta quindi aperta la suspense sulla donna in fuga che dopo il delitto si nasconde per sfuggire alla giustizia e, in particolare, al maresciallo Calogero Spina detto il Panza, ma probabilmente per allontanarsi anche da se stessa e da un passato segnato da un atroce tradimento e dalla profonda delusione di un amore che si è rivelato "imperdonabile". Il titolo del sequel di quella tragica storia, schiude almeno l'immaginazione ad un'imprevedibile avventura amorosa: "Io ti aspetto qui" (pubblicato dallo stesso Book Editore) offre un nuovo filo conduttore che si affaccia insieme ad un uomo pronto ad una promessa inequivocabile.
Sullo stesso lago, fra gli stessi scorci abitati da pittoreschi personaggi - ritroviamo  il vecchio Sebastiano Poletti dispensatore di saggezza, il Mino pescatore, il Brugin cavatore di pietre e tanti altri - Giuseppe Guin consolida un successo già messo in conto dal massiccio numero di copie prenotate del romanzo in uscita, ma anche confermato da una sorta di effetto retroattivo: il best seller "L'amore imperdonabile" ha trainato i lettori anche verso il precedente libro "Qui non succede niente" giunto in pochi mesi alla quarta e poi quinta edizione.

Laura d'Incalci

b.faverio

© riproduzione riservata

Tags