Sabato 18 Settembre 2010

A "Rock targato Italia"
gli Skiver di Alzate

ALZATE BRIANZA - Per la seconda volta in tre anni arrivano alla finale nazionale del concorso per gruppi emergenti Rock Targato Italia, ma questa volta i comaschi Skiver sono decisi a giocarsela al meglio. La band di Alzate Brianza è giovanissima. Addirittura, nel 2008, alla prima partecipazione si trattava di minorenni. Ora il gruppo si ripresenta in finale con altre ventitre band selezionate in tutta Italia e saprà se farà parte delle otto formazioni che parteciperanno al cd compilation che ad ogni edizione la società organizzatrice pubblica, o se addirittura, classificandosi al primo posto, avrà un contratto discografico per un album. La giovane età non è l'unica particolarità della band, che può contare su due fratelli gemelli, un cugino e una ragazza batterista. Gli Skiver si esibiranno oggi, 21.30, al Legend 54 di Milano. «Io nella band suono la chitarra - racconta Michele Ratti, 19 anni - degli Skiver fanno parte mio fratello gemello Mario, al basso, il cugino Francesco Frigerio alla voce, l'amico Matteo Ferri alla seconda chitarra e Nicole Castelletti alla batteria, è una band a conduzione familiare, siamo tutti intorno ai 19 anni».
Da quanto tempo suonate insieme?
Ci conosciamo da quando eravamo bambini, siamo tutti di Alzate e nella attuale formazione suoniamo da quattro anni.
Con quale repertorio avete convinto la giuria del concorso?
Perlopiù i nostri pezzi sono in italiano, ma scriviamo anche in inglese. È tutta farina del nostro sacco, non ci piacciono le cover. Facciamo del pop rock alternativo.
Vi ispirate a qualche artista?
Al nostro cantante piace molto lo stile di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro. Le nostre sonorità sono però più dirette, meno ricercate. Con le debite proporzioni diciamo che è come se i Negramaro suonassero il grunge dei Nirvana.
Chi è il compositore del gruppo?
Di solito tutti insieme, poi Francesco lavora sulle melodie del cantato e sul testo.
L'esito della prima finale alla quale avete partecipato non vi ha scoraggiato...
È stato un bel successo comunque arrivare alla finale, forse allora abbiamo pagato un po' l'inesperienza. Sono passati due anni, ora ne abbiamo un po' di più e sappiamo che comunque vada sarà una bella occasione per farci conoscere e maturare ancora.
La loro musica su http://www.myspace.com/skiverband
Fabio Borghetti

c.colmegna

© riproduzione riservata