Giusi Ferreri, un brano comasco
darà il titolo al nuovo disco

Sarà il pezzo scritto per lei dal comasco Max Zanotti, a dare il titolo al nuovo album di Giusi Ferreri, "Il mio Universo", in uscita a ridosso del Festival di Sanremo, al quale la grintosa vocalist parteciperà con "Il mare immenso". Una svolta decisamente rock a svelare finalmente la vera natura dell'artista.

Giusi Ferreri, un brano comasco darà il titolo al nuovo disco
<!-- /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-font-family:"Times New Roman";} @page Section1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} --> Sarà il pezzo scritto per lei dal comasco Max Zanotti, a dare il titolo al nuovo album di Giusi Ferreri, "Il mio Universo", in uscita a ridosso del Festival di Sanremo, al quale la grintosa vocalist parteciperà con "Il mare immenso", firmata invece di suo pugno, da Bungaro e da Max Calò. Una svolta decisamente rock a svelare finalmente la vera natura dell'artista, che pur non rinnegando nulla del passato, ha accettato un percorso non privo di insidie riuscendo ad imporre la sua forte personalità e la sua scrittura, cosa alla quale teneva più di ogni altra. Sanremo sarebbe potuto arrivare prima, ma lei ha saputo aspettare dettando i tempi di un avvicinamento all'Ariston che potesse rappresentare la sua identità più intima ed affrancarla dagli stereotipi da talent show Ora quel tempo è arrivato, come ha raccontato Giusi a La Provincia.
Questo è il disco della svolta, ma sembra ci sia anche un ritorno alle origini, non trova? 
Non rinnego niente del passato. Tutto il percorso di X-factor l'ho vissuto come un gioco, una presentazione di me stessa che mi ha portato anche tanta fortuna, ma sono felice perché finalmente in questo lavoro c'è la vera Giusi, c'è il mio mondo. Le sonorità sono più vicine al rock, con chitarre e ritmiche incalzanti, pensate per una vera band. In un certo senso è stato un ritorno a quando da ragazzina frequentavo i palchi del rock con diverse cover band. Avevo bisogno di quel tipo di tiro, con più impatto, basato sull'energia. Non è un caso che tutti e quattro i produttori che hanno lavorato al disco da Rustici, a Trentacoste a Bertolotti, abbiano pensato in funzione di una vera band, io mi vedo come la cantante di un gruppo.
Sarà così anche il brano di Sanremo?
Certo, farà da apripista all'album, l'ho scritto in collaborazione con Bungaro. In questo disco, oltre a mettere i miei inediti, sono andata alla ricerca di brani che avessero dei testi che facessero spiccare la mia personalità e che fossero coerenti con quello che sono. Ho avuto un feeling particolare con Rudy Marra e credo che questa collaborazione andrà avanti. Mi sono trovata bene anche con giovani autori come Max Zanotti e Francesco Bianconi dei Baustelle.
Come è nata la collaborazione con Max Zanotti?
Grazie a Marco Trentacoste che con Max suonava nei Deasonika. Mi ha fatto ascoltare "Il mio universo" in fase di preproduzione. Appena l'ho sentita ho detto "ok, ci siamo", ed è diventato il titolo dell'album.
Cosa canterai per la serata dedicata al 150°? Porterò una versione jazz swing di "Il cielo in una stanza". Sono stata consigliata da Morandi. Per me non era facile scegliere perché ho già cantato tante cover. Questa in qualche modo è coerente con le cose degli anni '60 già riprese da me in passato.

Fabio Borghetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA