Martedì 22 Marzo 2011

Dal "maestro" Cingolani
4 lezioni web di pittura

di Stefania Briccola

Prosegue fino al 30 aprile la mostra a Como, dedicata a Marco Cingolani. Al palazzo del Broletto si trovano i recenti dipinti che titolano l'esposizione "A perdita d'occhio" e si caratterizzano per i colori fluidi e le forme dilatate, spesso ai margini. Sono paesaggi in cui lo sguardo si perde e il buio dello sfondo dà linfa ad armonie perse dal lirismo cromatico. A voler guardare con attenzione questi dipinti, si nota anche un sottile gioco di segni che affiorano dal profondo del colore e del tempo. Il percorso continua alla Pinacoteca civica di Palazzo Voltpi, che ospita la retrospettiva del pittore comasco. Si ammirano le opere più note e decisamente narrative, come «Il ritrovamento del corpo di Aldo Moro» e l'«Attentato al Papa», che sottolineano il valore della memoria. Poi ci sono l'Immacolata concezione e il Battesimo di Sherlock Holmes, esposti alla Biennale di Venezia (2009) e l'immensa tela «La dolce vita», declinata sui toni del rosso. Non mancano le pitture d'esordio, ispirate all'astrattismo del Gruppo Como. Info: Informazioni: tel. 031.25.23.52; cultura@comune.como.it.

v.fisogni

© riproduzione riservata