Giovedì 01 Settembre 2011

Assange e WikiLeaks
Una storia a fumetti

(a. cav.) Il 5 aprile 2010, in una conferenza stampa a Washington, WikiLeaks diffonde un video che mostra l'assassinio di almeno dodici civili iracheni, tra i quali due giornalisti della Reuters, durante l'attacco di due elicotteri Apache americani. Da quel giorno, da quel video denominato «Collateral Murder», WikiLeaks è diventato uno spauracchio costante per i governi di tutto il mondo. È nelle librerie il volume a fumetti «Julian Assange, la vita del fondatore di WikiLeaks» delle Edizioni BeccoGiallo di Padova - sceneggiatura di Dario Morgante, disegni di Gianluca Costantini, 144 pagine in bianco e nero in vendita a 15 euro - che ricostruisce la storia di Julian Assange e dei suoi “complici”, attraversa due interi decenni di sfide informatiche e risponde alle domande che tanti si fanno su WikiLeaks e sulla comunità che ha generato questa piattaforma: quella degli hacker.
«Viene da chiedersi se esportiamo la democrazia per tenerla fuori dalle nostre case» ha detto Julian Assange. (su La Provincia la recensione del libro)

c.colmegna

© riproduzione riservata

Tags