Giovedì 29 Dicembre 2011

Grandi musicisti
star del cabaret

di Giancarlo Arnaboldi

Pagagnini Il titolo è già tutto un programma. Storpiando il cognome del celeberrimo violinista, il quartetto d'archi "Pagagnini" propone al Piccolo Teatro Strehler un'esilarante carrellata fra celebri pezzi musicali di Mozart, Vivaldi, Boccherini e, ovvio, Paganini, la cui tormentata figura è al cuore della pièce. Saltellando qua e là sul palcoscenico, alternando melodie celestiali a cacofonie grottesche, i quattro musicisti, guidati da Ara Malikian, enfant prodige della musica classica e violinista di fama mondiale nato nel 1968, libanese di famiglia armena, propongono uno spettacolo giocoso e travolgente. Alla loro dissacrante parodia nulla sfugge. Come si può facilmente controllare su You Tube, dal "Canone" di Pachelbel agli U2, dalle vivaldiane "Quattro stagioni" al Blues è tutta una girandola di invenzioni. Spettacolo che ha già debuttato sui palcoscenici di mezzo mondo, con grande entusiasmo di pubblico e plauso della critica. Una garbata ironia è il "filo rosso" che guida tutto il recital. Reinventando tutte le convenzioni di un tradizionale concerto di musica classica, i quattro virtuosi guidati da Malikian, trascinano a furia di gag e invenzioni meta-teatrali. In collaborazione con Ater-Associazione Teatrale Emilia Romagna, lo spettacolo è di scena al Piccolo Teatro fino all'otto gennaio. Biglietti da 20 a 40 Euro. In e prenotazioni: tel. 848.800.304

v.fisogni

© riproduzione riservata

Tags