Venerdì 27 Gennaio 2012

Si fa musica per De Andrè
A Como più di un tributo

di Alessio Brunialti


L'appuntamento con il tributo a Fabrizio De André «Dai diamanti non nasce niente», che inaugura la nuova serie di eventi del circolo Arci Xanadù, è sempre uno dei più attesi, segno del grande amore per le canzoni del poeta genovese ma anche della vitalità di un associazione che proponendo cinema, concerti e spettacoli è arrivata, l'anno scorso, a consolidare il numero dei soci.
Questo nonostante l'inagibilità per gli spettacoli dal vivo dello Spazio Gloria di via Varesina 72 che, stasera alle 20, ospiterà comunque un buffet per il pubblico con specialità liguri prima di traghettare tutti, alle 21.30, al vicino Teatro Nuovo di Rebbio. Ecco la novità di quest'anno: il tributo al compianto artista si svolgerà nella bella sala, in grado di accogliere un pubblico che si auspica numerosissimo, come è sempre accaduto nelle passate edizioni.
Tra i protagonisti di quest'anno è subito da segnalare Filippo Andreani, cantautore di Valmorea che riconosce un forte debito verso Faber, ma che ha saputo presto ritagliarsi una propria via grazie a due album che hanno mietuto meritati consensi, "La storia sbagliata", un concept dedicata al Neri e alla Gianna, figure emblematiche della Resistenza lariana, e "Scritti con Pablo", una semplice raccolta di canzoni tutt'altro che semplici. Da Pavia arriva Roberto Durkovic con i suoi Fantasisti del Metrò: artista originale e poliedrico, ha realizzato una serie di album che mostrano un eclettismo non comune. La Cattiva Strada è il nome di una formazione nata a Rovigo nel 1995 che si è immediatamente distinta per una peculiare scelta di repertorio: interpretare brani che Fabrizio aveva ripreso da altri come Bob Dylan, Leonard Cohen e Georges Brassens. I consensi li hanno portati ad ampliare sia formazione che scelta di pezzi diventando, nel tempo, uno dei più apprezzati tributi. Non hanno più bisogno di presentazioni anche a Como i varesotti Re della Cantina: uniscono a un'indubbia perizia tecnica, grandi doti espressive unite a ironia e autoironia. Infine, come è ormai tradizione visto che Renato Franchi è anche il motore primo di tutta l'organizzazione, il gran finale con la sua Orchestrina del Suonatore Jones che oltre al proprio spazio accompagnerà tutti i convenuti sul palco per la session finale. Ma non sono solo i musicisti a partecipare: negli anni passati il pubblico si è sempre lasciato coinvolgere in un grande momento di celebrazione collettiva, ancora più sentito oggi vista la coincidenza con il Giorno della Memoria. Il biglietto per il concerto è in vendita a 15 euro (12 euro per i soci Arci). Partecipare al buffet ligure (a 10 euro) allo Spazio Gloria è consigliata la prenotazione scrivendo a info@arcixanadu.it.

v.fisogni

© riproduzione riservata

Tags