“Festate” si sintonizza sull’Africa  Un finale irrequieto a Chiasso
Les Amazon d’Afrique, questa sera a Chiasso

“Festate” si sintonizza sull’Africa

Un finale irrequieto a Chiasso

Seconda e ultima serata del festival di culture e musiche dal mondo

Sabato 15 giugno seconda e ultima serata di Festate, il festival di culture e musiche dal mondo che si ripete a Chiasso da 29 anni. L’evento sarà aperto da Ayom, gruppo nato attorno alla straordinaria voce di Jabu Morales tra Lisbona e Barcellona per proporre ritmi brasiliani, africani e mediterranei. «Ayom è il Signore della musica, che abita nel suono del tamburo e che, con diversi nomi, è comune a molte culture del Mondo – spiegano - La sua forza simbolica ben rappresenta lo spirito del nostro progetto musicale che unisce America Latina, Africa e Mediterraneo». Sul palco Jabu Morales (voce e percussioni), Alberto Becucci (fisarmonica), Pedro Bastos (chitarre), Timoteo Grignani (zabumba e percussioni) e Walter Martins (triangolo e percussioni). A seguire Les Amazon d’Afrique, ovvero Mamani Keita, Ahouéfa “Fafa” Ruffino e Mamounata “Kandy” Guira, tre cantanti che vogliono porre l’attenzione sull’importanza dei ruoli femminili nella società contemporanea. Usano la musica come mezzo per cambiare, credono che il futuro possa essere costruito con idee basate sul rispetto e sull’uguaglianza. «Combattere il problema della violenza delle donne contro altre donne, come nel caso delle mutilazioni sessuali, della poligamia o dei matrimoni forzati, è essenziale per rompere un meccanismo di dominio e di prevaricazione, a vantaggio di tutti».

Il loro primo album, “Republique Amazones”, è stato acclamato dalla stampa di tutto il mondo ed è stato nominato dal presidente Barack Obama come il miglior album dell’anno nel 2017. Infine Jean-Pierre Bokondji, in arte Jupiter, assieme agli Okwess, per chiudere Festate senza stare fermi con le gambe grazie a Blaise Sewika Boyite (voce e percussioni), Yende Balamba Bongongo (voce e basso), Richard Kabanga Kasonga (chitarra), Eric Malu Malu Muginda (chitarra) e Montana Kinunu Ntunu (percussioni). Tutto attorno alla piazza del Municipio, come sempre, il mercatino Oasi, con i sui prodotti e i suoi sapori da tutto il mondo, e non mancano i concerti della “Scena off” e, attenzione, alle 22.30 c’è Daniele Sepe con la cantante Lavinia Mancusi e una superband (Tommaso de Paola al pianoforte, Davide Costagliola al basso, Paolo Forlini alla batteria e Robertinho Bastos alle percussioni) per “The cat with the hat”, un omaggio al grande Gato Barbieri. I biglietti sono in vendita a 10 euro con ingresso libero sotto i 16 anni. I dettagli del programma di Festate sono disponibili al sito www.centroculturalechiasso.ch.
A. Bru.


© RIPRODUZIONE RISERVATA