Martedì 13 Maggio 2014

Giovani e musica d’arte

Solo Como non partecipa

La bella iniziativa “Musica al presente”, concerto-saggio che avvicina i giovani alla musica, si è rinnovato per il settimo anno, sabato all’Istituto Carducci dove mai si sono visti tantissimi giovani così educati, disciplinati,concentrati, interessati.

Il progetto porta il nome di Antonietta Loffredo, comasca diplomata in pianoforte al Conservatorio di Verona e presso il Conservatorio di Issy les Moulineaux dove ha ottenuto il”Premiere prix” e il “Prix d’Excellence”. Apprezzata interprete del repertorio contemporaneo, è stata invitata a tenere concerti, lectures e masterclass da prestigiose Istituzioni in Europa, Medio Oriente, Cina e Australia. Ha inciso, per Phoenix classics, il cd “Giochi e riflessi dal’900 - L’infanzia in musica”. Su invito della University of Western Sydney ha inciso per la casa editrice australiana Wirripang i cd “Childhood in music”, e “Shadows and Silhouette”. Di prossima uscita un cd realizzato ancora dall’Università di Sydney dal titolo “Antarctica: new music for toy piano”. I prossimi impegni vedono Loffredo partecipare al Festival”Risonanze”.

Dice Antonietta Loffredo : «Musica al presente è un progetto che ho ideato nel 2008 e che ha visto, nel corso degli anni, un crescente interesse da parte delle scuole comasche e di vari Conservatori: cinque italiani hanno collaborato a questa iniziativa (non quello di Como ndr) che ha riscosso grande interesse anche in Europa ma pure in Asia, Australia e in Cina. Il progetto si basa, soprattutto sull’obiettivo di avvicinare i giovani alla musica scritta appositamente da altri giovani studenti».

«Quest’anno si è avuto il contributo delle classi di composizione del Conservatorio di Bologna e dell’ Istituto Vecchi di Modena. Dal 2014 Musica al presente è diventato un progetto in rete- prosegue Loffredo- con la partecipazione delle scuole Foscolo e Parini di Como, dell’Istituto comprensivo di Cernobbio e del liceo musicale Teresa Ciceri i cui allievi si esibiranno anche come compositori. L’ultima novità è stata organizzare “l’incontro con il compositore” per favorire uno scambio di idee tra insegnanti, studenti e autori. Ovviamente l’iniziativa continua a crescere grazie alla costante collaborazione di colleghi che credono negli obiettivi formativi del progetto e grazie anche alla sensibilità di molti dirigenti scolastici nonchè dell’Istituto Carducci che accoglie la manifestazione dall’inizio».n M.Ter.

© riproduzione riservata