Noemi Serrano, invito in villa  “Settembre classico” al pianoforte
Noemi Teruel Serrano durante il recente concerto nella Sala Bianca del Sociale (Foto by fAndrea Butti)

Noemi Serrano, invito in villa

“Settembre classico” al pianoforte

Nuovo festival di musica da oggi a Cavallasca grazie alla pianista iberica - Ed è “L’eco di Chopin in Spagna” ad aprire il programma: ospite Eduardo Frìas Ciriza

Nasce oggi, domenica 1 settembre, nella cornice elegante di Villa Imbonati a Cavallasca, un nuovo festival di musica. “Settembre classico” è il segno distintivo della rassegna curata dalla giovane pianista iberica e d’adozione comasca Noemi Teruel Serrano, che ha scelto il Lago di Como – luogo pieno di ispirazioni e residenza adottiva di tanti musicisti – eventi dal concerto solistico alle produzioni camertistiche e orchestrali.

È proprio “L’eco di Chopin in Spagna”, pensato come omaggio alle due terre d’origine ed elezione della direttrice artistica, a segnare il debutto odierno: alle 19 nel salone di Villa Imbonati sarà ospite e protagonista il pianista Eduardo Frìas Ciriza, interprete di un programma sul filo del soggiorno chopiniano nell’isola di Maiorca, confrontato con l’impronta  lasciata nei compositori spagnoli successivi. Frìas Ciriza accosterà i Notturni op. 9 n. 1, op. 37 n. 1 e op. 48 n. 1 di Fryderyk Chopin alle Variazioni sul tema di un Preludio chopiniano di Federico Mompou - di padre catalano e Madre francese, scomparso nel 1987 tanto interessante quanto poco valorizzato - e alle impronte contemporanee del cinquantottenne Jorge Grundman, autore di una “Chopiniana” e di “In the still of the night” in cui la riscrittura di stile assume nuove luci neoclassiche.

Settembre classico proseguirà con altri tre appuntamenti a Villa Imbonati di Cavallasca e tre grandi eventi straordinari, gli ultimi due dei quali estesi nel tempo oltre l’autunno.

Sabato 7 settembre sarà la volta di un “Viaggio in Trio” con il Trio Piceno Classica di Luca Magni (flauto), Daniela Tremaroli (violoncello) e Roberta Bambace (pianoforte) alle prese con un itinerario attraverso le musiche più emblematiche di Mozart, Beethoven, Fauré, Čajkovskij e Dvořák trascritte per trio.

Sabato 21 arriverà a Villa Imbonati “Un fagotto in autunno”:  Ivan Shatkovsky, membro della Tchaikovskij Symphony Orchestra di Mosca, accompagnato dalla pianista russa Margarita Bakurina, prenderà spunto dalle Stagioni di Čajkovskij per dedicare al pubblico una trascrizione dedicata al suo strumento.  Domenica 29 Noemi Serrano chiuderà la prima sezione del festival  nel nome de “Il Maestro Bach”  omaggiandolo insieme ai suoi allievi più talentuosi con l’integrale delle Invenzioni e Sinfonie bachiane.

Una seconda sezione del “Settembre classico” regalerà al pubblico comasco tre eventi, coinvolgendo l’orchestra sinfonica del festival diretta da Stefano Nigro. Primo concerto sinfonico sabato 14 settembre 2019 a Villa Làrio di Pognana, accompagnato da una cena dopo concerto; sabato 9 novembre e domenica 22 marzo, il festival sarà in Sala Bianca del Teatro Sociale di Como, prima “Alla corte di Haydn” in un programma completamente dedicato al grandissimo musicista di corte che diventerà per una sera il principe del Ridotto del teatro grazie all’accoglienza della Società Palchettisti, poi con “Mozart a Salisburgo” in collaborazione con Erone Onlus con il Concerto per pianoforte “Jeunehomme” e la Sinfonia n.25.

L’ingresso ai concerti di Villa Imbonati è libero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA