Un po’ Italia, un po’ Usa e tutto rap: ecco Mambolosco
Mambolosco

Un po’ Italia, un po’ Usa
e tutto rap: ecco Mambolosco

Oggi pomeriggio“instore” da Frigerio Dischi a Como per l’artista italoamericano

Proseguono, a Frigerio Dischi di via Giuseppe Garibaldi 38 a Como, gli instore dedicati alla nuova scena rap e trap italiana. Oggi, mercoledì 25 settembre,, intorno alle 16 circa, sarà la volta del rapper italoamericano Mambolosco, che incontrerà i suoi fan e presenterà il suo album d’esordio, uscito lo scorso 13 settembre per Virgin Records/Universal Music Italia e intitolato “Arte”. Dopo il grande successo ottenuto con il singolo “Guarda come Flexo”, Mambolosco, pseudonimo di William Miller Hickman III, ha raccolto nel suo primo disco pensieri, memorie e momenti della sua vita, trascorsa tra l’Italia materna e gli Stati Uniti paterni, mischiando tra loro rap, trap, beat elettronici e basi più morbide, d’ispirazione R&B.

Un lavoro artistico che risente fortemente degli anni di militanza nel collettivo Sugo Gang e gode, tra le altre, delle collaborazioni di Enzo Dong, Nashley, Tony Effe e Pyrex della Dark Polo Gang. «Grazie a Dio faccio Arte – ha dichiarato l’artista parlando dell’album - La musica è Arte, io faccio Arte e devo essere grato di fare Arte perché mi ha salvato e mi ha permesso di vivere. Voglio dare importanza a quello che faccio, perché tanta gente in Italia vede la trap come una cosa da ragazzini, ma non è proprio così».

L’acquisto di una copia del cd presso il punto vendita permetterà di ottenere il pass per incontrare il rapper e farsi autografare il disco (fino ad esaurimento scorte). Prenotazione consigliata telefonando al numero 031261671 o inviando una mail all’indirizzo [email protected]
Alessia Roversi


© RIPRODUZIONE RISERVATA