Erba, crollo al Buco del Piombo  «Basta abusi, ora l’ingresso resti chiuso»
Il sopralluogo: da sinistra l’assessore Alessio Nava, il tecnico comunale Nicola Santoro e il consigliere Alberto Cavalleri (Foto by Bartesaghi)

Erba, crollo al Buco del Piombo

«Basta abusi, ora l’ingresso resti chiuso»

Domenica si è staccato un pezzo di roccia dalla falesia, a poca distanza dalla scala. L’assessore Nava: «Finché non arriveranno soldi da Milano non potremo riaprire la grotta»

Tornano a cadere i massi nell’area del Buco del Piombo. Domenica un escursionista ha segnalato un crollo a pochi passi dalla grotta; ieri mattina i tecnici comunali hanno accertato che la caduta è avvenuta a pochi metri di distanza dalla scala d’ingresso, chiusa dal 2011 per motivi di sicurezza.

«È la prova che l’ordinanza di chiusura della grotta ha un senso - osserva l’assessore Alessio Nava - l’unica soluzione per riaprire il sito al pubblico passa dalla realizzazione di una copertura sopra alla scala d’ingresso, ma servono i fondi della Regione».

Stando alla testimonianza di un escursionista che ha segnalato l’accaduto al Comune di Erba, il crollo sarebbe avvenuto nella giornata di domenica: chi si trovava in zona ha sentito un forte colpo a pochi passi dal Buco del Piombo.

Evidenziato dal circolo tratteggiato il buco lasciato dal distacco del masso

Evidenziato dal circolo tratteggiato il buco lasciato dal distacco del masso
(Foto by Stefano Bartesaghi)

Ieri mattina l’assessore Nava, l’ingegnere Nicola Santoro dell’ufficio ambiente e il consigliere Alberto Cavalleri (presidente dell’associazione Amici della Riserva Valle Bova) sono andati sul posto per capire che cosa fosse successo.

«Molto probabilmente - spiega il consigliere Cavalleri - il masso si è staccato a seguito degli sbalzi termici degli ultimi giorni. Nel 2011 la scala d’ingresso venne chiusa con un’ordinanza a seguito di un crollo simile in corrispondenza della scala d’ingresso: questa volta la scala è stata risparmiata, formalmente il crollo è avvenuto all’esterno dell’area del Buco del Piombo».

Si parla però di pochi metri di distanza. «Fortunatamente - osserva l’ingegnere Santoro - nelle scorse settimane il cancello che impedisce l’accesso alla scala d’ingresso che porta alla grotta è stato rinforzato, rendendo così più difficoltosi gli accessi abusivi che sono molteplici soprattutto la domenica».


© RIPRODUZIONE RISERVATA