Cremia, cede un tratto  della passeggiata a lago
Il tratto della passeggiata che è stato transennato dopo il cedimento a lago dei giorni scorsi

Cremia, cede un tratto

della passeggiata a lago

Transenne dopo lo smottamento in frazione San Vito: colpa dei livelli dell’acqua. L’ex sindaco protesta: «Non veniamo ascoltati»

«A monte ed a valle si guadagna. E noi ci troviamo costretti a transennare una parte di lungolago ed a cercare tra le pieghe del bilancio i soldi per rimetterla a posto, in piena stagione turistica. Senza che nessuno faccia nulla». L’ex sindaco Guido Dell’Era , ora consigliere, punta l’indice contro l’Autorità di Bacino: «Abbiamo dovuto transennare un tratto di passeggiata a lago in frazione San Vito, dopo che si è apertura una frattura abbastanza profonda. Il lago ha “lavorato” a fondo sulle fondazioni ed ecco i risultati. L’ufficio tecnico è prontamente intervenuto e si sta già ragionando sul da farsi, in tempi stretti».

E aggiunge: «Siamo ancora allo studio triennale affidato al Politecnico per valutare il da farsi. A Cremia non si è ancora visto nessuno e intanto il lago continua a fare danni. Manderemo foto e nota tecnica di quanto avvenuto in quel di San Vito all’Autorità di Bacino. Non possono sempre essere i Comuni a pagare i danni causati da altri».

L’articolo su La Provincia di mercoledì 12 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA