Discarica di Ossuccio  I residenti sventano un furto
Il comandante Massimo Castelli (Foto by Selva)

Discarica di Ossuccio

I residenti sventano un furto

La vigilanza dei cittadini a seguito dei tanti colpi dei ladri dà i primi frutti

La collaborazione tra cittadini, polizia locale e carabinieri funziona. Nel picco dell’allerta furti in Tremezzina, l’altra sera attorno alle 22 un quarantenne residente a San Fedele d’Intelvi è stato pizzicato mentre tentava di rubare un videoregistratore all’interno dell’area per la raccolta rifiuti in località Mulino ad Ossuccio.

Nulla a che vedere con le razzie che sono state messe a segno a ripetizione nelle abitazioni di Ossuccio, Lenno (in special modo), Mezzegra e Tremezzo.

L’episodio fa però ben comprendere come in zona i residenti abbiano alzato (e di parecchio) il livello di guardia e attenzione. Racconta il comandante della polizia locale della Tremezzina, Massimo Castelli, il primo ad arrivare sul posto.

«Sono stato contattato da alcuni residenti, che avevano notato movimenti sospetti all’interno della discarica, inclusa la flebile luce di una pila. Una volta sul posto ho intimato all’uomo che nel frattempo aveva con sé il videoregistratore di non muoversi. Sì è subito fermato. Sembrava spaesato». Sono stati lunghi e concitati istanti per il comandante della polizia locale.

Sul posto è giunto prontamente anche il maresciallo Paolo Lo Giudice, comandante della stazione carabinieri di Tremezzina, con un altro militare. Il quarantenne intelvese, colto in flagrante, peraltro non ha opposto resistenza ed è stato così condotto a Lenno e denunciato per furto aggravato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA