Ogni sbarco 50 centesimi  La tassa di Bellagio pro turismo
L’attesa all’imbarcadero di Bellagio per i battelli della Navigazione. La fotografia è stata scattata domenica e rappresenta al meglio il richiamo della “perla del Lario” sui turisti

Ogni sbarco 50 centesimi

La tassa di Bellagio pro turismo

L’assessore-albergatore Leoni presenterà l’idea

Cinquanta centesimi nelle casse dei Comuni per ogni turista che sbarca nei paesi del centro lago.

Questa la “tassa di sbarco” che il coordinatore del distretto turistico del centro lago e assessore al turismo di Bellagio Luca Leoni vuole proporre al prossimo incontro del direttivo dell’ente.

Il provvedimento, nel caso fosse adottato, potrebbe produrre un gettito superiore ai 400mila euro l’anno che entrerebbero nelle casse di Bellagio, Menaggio, Tremezzina e Varenna; quest’ultimo Comune è sede del distretto.

«Soldi che sarebbero poi utilizzati per migliorare e ampliare i servizi turistici».

Una proposta decisamente controtendenza, in particolare se arriva da un albergatore che ha per altro appoggiato la tassa di soggiorno servita a Bellagio per rifare il lungo lago.

«Come albergatore non posso osteggiare qualcosa che fa il bene del turismo – spiega Luca Leoni - La nostra categoria dovrebbe cavalcare la tassa di soggiorno o quella di sbarco e non esprimersi con contrarietà. Si deve solo controllare che gli investimenti siano realmente mirati a incrementare i servizi per i turisti o la bellezza di un luogo. Con i tagli degli ultimi anni queste tasse sono l’unico modo per fare interventi importanti per i Comuni. Gli albergatori devono aprirsi al dialogo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA