Altre accuse all’infermiera  «Ha ucciso madre e suocero»
L'infermiera Laura Taroni e l'ex viceprimario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga

Altre accuse all’infermiera

«Ha ucciso madre e suocero»

La Procura di Busto contesta a Laura Taroni anche l’omicidio della madre e del padre del marito

Laura Taroni, di Lomazzo, l’infermiera dell’ ospedale di Saronno arrestata lo scorso 29 novembre con l’accusa di aver ucciso suo marito in concorso con il medico-amante Leonardo Cazzaniga, è da ieri formalmente accusata anche dell’omicidio della madre e del suocero. A comunicarlo è stato il Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio, Gianluigi Fontana. Al termine dell’interrogatorio della donna nel carcere di Como, durato due giorni, la Procura le ha contestato non solo l’omicidio del marito, Massimo Guerra, di Lomazzo, (per il quale era stata emessa ordinanza di custodia cautelare) ma anche della madre, Maria Rita Clerici, di Moltrasio, e del suocero Luciano Guerra. Queste accuse erano contenute nella richiesta dei Pm ma erano state rigettate dal Gip. Alla donna contestati anche i reati di lesioni e falso ideologico. «Si precisa - ha sottolineato il procuratore Fontana - che alla signora Taroni non sono attribuiti omicidi nell’ ambito del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Saronno».

La donna ha risposto a tutte le domande.


© RIPRODUZIONE RISERVATA