Il palo è in mezzo alla strada da 5 anni  «È stato cambiato, ma non lo spostano»
Il palo della luce costringe a un senso unico alternato in via Tiziano

Il palo è in mezzo alla strada da 5 anni

«È stato cambiato, ma non lo spostano»

Cadorago: con la realizzazione di alcune palazzine nel 2012, via Tiziano è stata allargata. Il sindaco: «Settimana scorsa Enel Sole lo ha sostituito con uno nuovo. Lasciandolo al suo posto»

Un vecchio palo della luce è rimasto per cinque anni in mezzo alla carreggiata in via Tiziano, a Caslino.

Doveva essere spostato nei nuovi plinti portapalo già predisposti, ma la ditta che doveva farlo è fallita e l’Enel Sole è arrivata prima di tutti: ha sostituito il palo vecchio di cemento con un palo nuovo di acciaio, lasciandolo in mezzo alla strada perché lo spostamento compete al Comune. Intanto in via Tiziano si continua a viaggiare a senso unico alternato in corrispondenza dell’anomalo ostacolo.

La storia si lega alla costruzione di alcune case nel 2012, ma con alcuni problemi tra i quali, non ultimo, il fallimento della ditta costruttrice. Prima della costruzione delle palazzine il muro di cinta del terreno interessato arrivava esattamente fino al palo della luce. Con l’avanzamento dei lavori il perimetro del lotto è stato arretrato per lasciare spazio a un nuovo tratto di marciapiede, lasciando il palo esposto. I plinti portapalo per spostare i lampioni erano già predisposti, ma per procedere con l’appalto il Comune doveva attendere la chiusura della procedura fallimentare. Cosa che è in progetto di fare, ma tre settimane fa l’Enel Sole ha avvisato l’ufficio tecnico che avrebbero sostituito proprio quel palo di cemento con uno nuovo. «I nostri tecnici hanno spiegato che stiamo per appaltare il progetto di riqualificazione e il palo doveva essere spostato - racconta il sindaco Paolo Clerici - ma non hanno sentito ragioni. Sembra ridicolo e me ne rendo conto, ma in Italia funziona così. Il loro intervento era già stato appaltato e l’appalto prevedeva la sostituzione con un palo nuovo senza spostarlo».

Abbiamo contatto l’ufficio stampa di Enel e Enel Sole, che al momento non ha saputo darci una risposta nel merito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA