Olgiate, cinghiali vicini alle case  Danni ai campi, ecco le trappole

Olgiate, cinghiali vicini alle case

Danni ai campi, ecco le trappole

L’ultima segnalazione arriva da Baragiola: «Ero con il cane, ho avuto paura»

A Bontocco devastato un terreno coltivato a mais: «Persi quintali di farina per polenta»

Allarme cinghiali. Si susseguono con frequenza sempre più ravvicinata, anche sul territorio comunale, gli avvistamenti e i “raid” ai danni di campi coltivati. Contro l’invasione, arrivano gabbie-trappola e azioni di abbattimento controllato. L’ultima segnalazione, qualche giorno fa, a Baragiola.

«Erano circa le 9 – racconta Giorgio Turconi – Stavo facendo il solito giro nei boschi con i miei due cani e camminavo in direzione di Gironico quando, tra Baragiola e il torrente Lura, mi sono imbattuto in un cinghiale di medie dimensioni. In quel punto ci sono due sentieri vicini; io e i miei cani eravamo su uno e il cinghiale, a 4-5 metri di distanza da noi, sull’altra stradina. Ci ha guardati. Questione di secondi. Io e i miei cagnolini ci siamo affrettati a cambiare strada e ad allontanarci da lui. Il cinghiale, dopo averci puntato, se n’è andato».

C’è chi suggerisce di recintare gli orti e chi ha risolto il problema con le recinzioni elettriche.

I dettagli su La Provincia in edicola giovedì 16 agosto


© RIPRODUZIONE RISERVATA