Olgiate, elezioni roventi  Accuse tra i candidati
Corsa a tre per conquistare il municipio di Olgiate Comasco (Foto by Archivio)

Olgiate, elezioni roventi

Accuse tra i candidati

Briccola: «Bernasconi dividendo il centrodestra non fa che agevolare Moretti». Gli avversari negano l’intesa: «Tra noi riusciamo a dialogare ma non c’è alcun accordo». Martedì alle 18 il confronto organizzato dalla Provincia

L’ombra dell’inciucio sulle elezioni amministrative. L’adombra l’imprenditore R oberto Briccola, candidato sindaco della lista “Noi con Voi per Olgiate”, alla luce dello sdoppiamento del centrodestra in due formazioni (quella di Briccola e quella dei “Liberali e Italia unica” guidata da Marco Bernasconi), che avvantaggerebbe la maggioranza uscente.

«Constatato che anche questa volta l’elettorato di centrodestra è diviso e indebolito, si corre il rischio di far vincere ancora la maggioranza uscente “Svolta civica” - afferma Briccola – Mi domando perché Marco Bernasconi non abbia fatto un’alleanza con “Svolta civica”, visto che durante questo mandato si è trovato in sintonia con la maggioranza uscente. In questo modo avrebbe dichiarato apertamente che sta con loro. Mi dispiace che così usciremo perdenti, poiché non so se gli olgiatesi riconosceranno questa sorta di asse Bernasconi – Moretti».

Bernasconi precisa: «Non c’è alcun inciucio con la lista di Simone Moretti. Non condividendo le modalità di operare del mio ex capogruppo Igor Castelli, che senza consultarmi ha presentato 53 segnalazioni, mi sono distaccato e ho creato il mio gruppo. Già da fine novembre avevo espresso la volontà di candidarmi a sindaco».

«Non è che voglia rompere il centrodestra perché non sono entrato in lista con Briccola. Potrei dire la stessa cosa di loro che hanno posto veti. Corro per vincere, non per portare acqua al mulino di Moretti. Se non dovessi vincere, sarei più contento che fosse riconfermato Moretti, con cui riesco a dialogare serenamente».

Nega inciuci Simone Moretti, candidato di “Svolta civica”: «Cinque anni fa il centrodestra si era diviso in tre, stavolta in due, ma non è di sicuro colpa nostra. Noi facciamo il nostro con l’obiettivo di essere riconfermati, cosa che non avviene dal 2001».

E martedì alle 18 nella sala polivalente del Centro Medioevo il confronto tra i candidati organizzato dal nostro giornale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA