Che beffa per i cellulari  Segnale svizzero più forte  e a pagare sono i comaschi
La vicinanza al confine può creare problemi

Che beffa per i cellulari

Segnale svizzero più forte

e a pagare sono i comaschi

Le antenne elvetiche potenziate catturano i cellulari vicino al confine, facendoci pagare un roaming assai salato

Le antenne svizzere sono più potenti e catturano i cellulari dei comaschi, facendoci pagare un roaming assai salato. La signora Adriana Anna Otolini , come tanti altri comaschi, segnala un disguido che ciclicamente investe la città ed anche la provincia. «Abito a Montorfano e vado spesso da mio figlio a Garzola – spiega – qualche giorno fa lungo la strada il mio cellulare ha ricevuto il messaggio “Benvenuti in Svizzera”. Sono sempre stata ben lontana dal confine, assicuro, eppure sul conto mi sono stati addebitati 5 euro. Per altro così il credito dell’abbonamento è temporaneamente esaurito e ho dovuto sbloccarlo. Interpellato il gestore mi ha comunicato che il mio telefonino risultava essere stato agganciato da una cella di una compagnia svizzera. Mi è stato anche spiegato che da alcuni giorni stavano ricevendo molte simili lamentele dalla zona di Como, in quanto il gestore svizzero aveva recentemente potenziato il suo sistema. Tanti telefonini comaschi in territorio italiano vengono catturati dalle antenne d’oltre frontiera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA