I 20 minuti del killer chiedere aiuto  Poi ha ucciso don Roberto alle spalle
Mahmoudi attraversa piazza San Rocco: sono le 6.41 del 15 settembre

I 20 minuti del killer chiedere aiuto

Poi ha ucciso don Roberto alle spalle

Dai video delle telecamere su via Milano la ricostruzione dei tempi del delitto - Il nodo della perizia. Un volontario: «Mahmoudi fu visitato da uno psichiatra, non emerse nulla»

Venti minuti. Tanto ha atteso Ridha Mahmoudi prima di estrarre il coltello e uccidere don Roberto Malgesini . Venti minuti in cui il tunisino, da oggi alla sbarra per l’omicidio premeditato del prete di San Rocco, ha messo in scena l’ennesimo show in attesa di poter aggredire a morte il sacerdote, una volta che questi gli avesse voltato le spalle. Al netto dell’arroganza mostrata all’arrivo, sanguinante, al comando dei carabinieri («Aprite, ho ucciso il prete di San Rocco!») e del tono con cui, nel corso del primo interrogatorio, ha rivendicato fiero l’aggressione mortale del 15 settembre 2020, la ricostruzione dei tempi e delle modalità dell’omicidio fanno emergere il quadro di un uomo tanto violento quanto vile, pronto a tradire l’ennesimo gesto d’amore e di carità di don Roberto per sfogare la propria rabbiosa frustrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA