Il Ticino riparte. E i frontalieri in coda  Traffico in tilt a Valsolda e Bizzarone
Code chilometriche a Valsolda sin dalle prime ore della mattina (Foto I Frontalieri di Gandria)

Il Ticino riparte. E i frontalieri in coda

Traffico in tilt a Valsolda e Bizzarone

Tutto secondo copione: due chilometri a Chiasso già alle 7, addirittura 5 chilometri a Oria Valsolda. Appello per la riapertura di Maslianico e Valmara

Tutto secondo copione purtroppo per gran parte dei 40 mila frontalieri diretti ieri in Canton Ticino, con una differenza sostanziale rispetto ai giorni scorsi. E cioè che prima e durante il lunedì nero dei frontalieri, in coda già di primissimo mattino praticamente in corrispondenza di tutti i valichi di confine col Ticino - con punte d’attesa tra la mezzora e l’ora abbondante, complice la chiusura prolungata di Pizzamiglio-Maslianico e di Arogno -, il Governo ha deciso di lasciare da parte il bon ton istituzionale con la vicina Svizzera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA