Politecnico, c’è ancora vita a Como  Scoperta mondiale nel laboratorio
L’interferometro utilizzato per l’esperimento

Politecnico, c’è ancora vita a Como

Scoperta mondiale nel laboratorio

Una delle più importanti novità nella fisica arriva dal lavoro in via Anzani. Riuscito l’esperimento che ha permesso di osservare l’interferenza di onde di antimateria

I grandi successi scientifici non si ottengono solo nei giganteschi e prestigiosi laboratori delle metropoli. A Como, per esempio, da anni esiste e lavora in via Anzani “L-Ness”, un laboratorio interuniversitario, nato grazie al dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano e insieme con la Statale e la Biccocca, al momento resistente allo smantellamento cittadino cominciato dall’ateneo milanese. Non solo: dove un tempo stavano le rotative de “La Provincia”, è stato realizzato uno degli esperimenti ritenuti più importanti della fisica mondiale compiuti nel 2019, come sancito da una squadra di curatori scientifici che ha stilato il ranking “top ten breakthrough of the year in physics”.

«Onestamente, non ce l’aspettavamo d’essere inseriti fra i dieci “avanzamenti” più rilevanti di quest’anno», spiega Rafael Ferragut , docente del Politecnico e responsabile del laboratorio positroni. «Sono davvero orgoglioso - aggiunge - siamo un piccolo laboratorio, se paragonati con altri in giro per il mondo. Questo risultato è il frutto del lavoro tenace ed entusiasta di un piccolo gruppo di ricercatori appassionati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA