Rifiuti dei clan,  lo snodo era a Como
L’impianto in località La Guzza, tra Camerlata e Casnate, stipato di rifiuti da parte dei clan (Foto by archivio)

Rifiuti dei clan,

lo snodo era a Como

Le motivazioni del processo sulle infiltrazioni della ’ndrangheta nella società che operava a La Guzza. Il giudice: «Il titolare in affari con la malativa per interessi personali». E il genero del boss lavorava nella discarica

«L’impianto di “La Guzza”, nella sostanza, fungeva da reale snodo del traffico dei rifiuti, garantendo al sodalizio un “destinatario formalmente corretto” dei vari trasporti, mentre i rifiuti, che solo apparentemente venivano trattati presso l’impianto comasco, in realtà erano destinati ad essere abbandonati o interrati in aree dismesse con l’aiuto di staffette che guidavano i trasportatori verso il sito abusivo di volta in volta individuato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA