Vergogna senzatetto  Per il Comune va bene così
Problemi anche ieri mattina, all’ex chiesa di San Francesco, trasformata nuovamente in accampamento (Foto by Butti)

Vergogna senzatetto

Per il Comune va bene così

Accampati a San Francesco, tra degrado e risse. Ma l’assessore in aula: «Non c’è un’emergenza». «Diversi posti letto liberi in città , chi dorme ai portici non ci vuole andare». Nessuna certezza su via Cadorna

Un nuovo dormitorio non serve. Questa è la tesi sostenuta dall’assessore ai Servizi sociali Angela Corengia in consiglio comunale. Sotto ai portici dell’ex Chiesa di San Francesco bivaccano i senzatetto, tra sporcizia e continue tensioni. Risse per futili motivi, un degrado generale inaccettabile, eppure il Comune non vede alcuna emergenza. «Stiamo lavorando in accordo con l’Asst per destinare il primo piano di via Cadorna all’accoglienza, una volta cessato l’utilizzo per la quarantena degli attuali casi Covid - ha detto l’assessore - Sarà un centro solo temporaneo, entreranno persone selezionate dagli assistenti per il reinserimento sociale. Il vicino Sert si sposterà in via Carso. L’accoglienza passa anche dai cittadini del quartiere: reclamano una soluzione per i senzatetto, ma lontano dalle loro case. Vicino ci sono sì delle scuole, ma anche la Croce rossa e la Questura. Quanto al San Martino, un dormitorio in quell’area è un’ipotesi, ma non veloce».

© RIPRODUZIONE RISERVATA