Il silenzio imposto
a chi salva le vite

Per onorare il dolore e la sofferenza bisognerebbe sempre celebrare la vita. Per questo motivo sui giornali leggete le storie di chi, nei periodi più difficili e tragici, fa della resilienza la sua arma migliore e si mette al servizio degli altri. Non si tratta di eroismo, né di esibizionismo fine a sé stesso, ma del bisogno che abbiamo tutti noi di aggrapparci, nei periodi peggiori, a esempi positivi da seguire. A testimonianze che ci strappino dal pessimismo, per regalarci un orizzonte di speranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}