Cassa integrazione  a giocatori di B e C?  Proposta della Figc
Stadi vuoti in attesa di una partita. Ma sarà lunga

Cassa integrazione

a giocatori di B e C?

Proposta della Figc

Calcio: l’idea è stata avanzata ieri al governo

Riguarderebbe anche giocatori di Como e Lecco

Provvedimento per chi guadagna meno di 50mila euro

Estendere la cassa integrazione anche ai calciatori della serie B e C con contratti sotto i 50 mila euro: è una delle richieste al governo dal mondo del calcio per affrontare la crisi da emergenza coronavirus. Nel pacchetto definito da Figc e Leghe, le misure ritenute più impellenti prevedono anche il riconoscimento dello stato di crisi, la proroga delle concessioni degli impianti con la sospensione dei canoni, il differimento delle scadenze fiscali e contributive, cig e contratti di solidarietà anche ai calciatori sotto i 50 mila euro in B e e C. In una seconda tranche, si studia un “Fondo Salva Calcio”, per il quale la Figc destinerà risorse destinate alla. ripartenza dei club .in crisi di liquidità

Anticrisi

© RIPRODUZIONE RISERVATA