Caso suv, la replica del sindaco: «Provi a sostare così a Lugano»

La polemica Rapinese ribatte alla sfida lanciata dall’automobilista svizzero «Dice che parcheggia in divieto da 10 anni? Capisca che l’aria è cambiata»

Caso suv, la replica del sindaco: «Provi a sostare così a Lugano»
Il suv dell’automobilista svizzero l’altra sera in via Grassi

«Dei suoi soldi faccio volentieri a meno. Provi a fare lo stesso a Lugano, se ne ha il coraggio». Il sindaco Alessandro Rapinese non le manda a dire all’automobilista svizzero multato sabato notte dopo che aveva lasciato il suo suv parcheggiato in via Grassi, in piena Ztl. Quando il mezzo era già stato messo sul carro attrezzi perché intralciava il traffico era arrivato il proprietario che, per prima di riottenerlo, aveva dovuto pagare subito la sanzione e il costo del trasporto per un totale di circa 300 euro. Dopo aver visto che storia della sua vettura (che costa come un appartamento) era diventata protagonista della domenica in Italia e non solo, anziché il silenzio ha scelto di dire la sua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True