Fuggito con i fratelli dall’Afghanistan
«Mia moglie è ancora in quell’inferno»

Parla uno dei rifugiati accolti a Como da Caritas e Intesa sociale. Mujahid Khan ripercorre i momenti più difficili: «In diecimila ammassati all’aeroporto»

Fuggito con i fratelli dall’Afghanistan «Mia moglie è ancora in quell’inferno»

(Foto di Mujahid Khan (a destra) insieme al mediatore culturale pakistano)

Sono 27 gli afgani accolti a Como, ospitati dalla Caritas Diocesana e dalla cooperativa Intesa sociale. Tra loro c’è Mujahid Khan , arrivato con lo zio e i fratelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA