I poliziotti salvano un uomo nel lago
Circondati e insultati da ragazzini

Denunciati a piede libero una diciannovenne e un minorenne residenti in città - Nei giorni scorsi il questore aveva parlato di una «intolleranza crescente» verso le divise

I poliziotti salvano un uomo nel lago Circondati e insultati da ragazzini
Un’auto della squadra volante della polizia in viale Geno durante un intervento
(Foto di archivio)

Como

Nel mondo alla rovescia, non ci sarebbe notizia. Ma in attesa che i principi e le regole conosciute e considerate valide fino ad oggi siano ribaltate quanto avvenuto nella notte di domenica in viale Geno suona come un fatto tanto incredibile quanto clamoroso. Un gruppetto di giovani comaschi ha accerchiato e iniziato a insultare gli agenti di polizia intervenuti per prestare soccorso e aiuto a un uomo - ubriaco - che nottetempo si era gettato nel lago (peraltro in un punto dove la balneazione è vietata) senza più riuscire a tornare a riva.

La Questura di Como ha formalizzato, con una comunicazione di notizia di reato spedita in Procura, la denuncia a piede libero per resistenza, violenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale a carico di due giovanissimi comaschi: lei 19 anni, lui appena 17. Si tratta degli unici due protagonisti di una nottata di ordinaria follia che gli agenti sono riusciti a fermare e a identificare (gli altri all’arrivo dei rinforzi si erano dileguati).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True