«Quanto corre l’epidemia a Como
Peggio in Italia c’è solo Varese»

L’epidemiologo Carlo La Vecchia a La Provincia: «Sul Lario 850 casi su 100mila abitanti, Monza e Milano stanno meglio con 800 e 700 positivi»

«Quanto corre l’epidemia a Como Peggio in Italia c’è solo Varese»
Volontari della Croce Azzurra al lavoro: l’epidemia in provincia di Como ha una incidenza di circa 850 casi a settimana su 100mila abitanti

La seconda ondata ha già portato via duecento comaschi, l’inverno è lungo e la paura è di dover piangere ancora tanti concittadini. L’andamento dell’epidemia a Como è uno dei peggiori d’Italia.

«In termini comparativi le due province oggi più segnate sono prima Varese e poi Como – spiega il professor Carlo La Vecchia , epidemiologo dell’Università degli Studi di Milano – a Varese l’incidenza settimanale è attorno ai 900 casi ogni 100mila abitanti, a Como circa 850. Segue Monza con 800 casi certificati e quindi Milano con 700. Ciononostante per il momento la seconda ondata ha fatto meno vittime. Tra il 5 ottobre, il primo giorno della ripresa epidemica e oggi, la salita è stata meno drammatica rispetto a marzo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}