Viadotto, gara da 1,6 milioni  Riapertura totale tra un anno
Il divieto di passaggio ai mezzi pesanti è stato introdotto nel 2017

Viadotto, gara da 1,6 milioni

Riapertura totale tra un anno

Como: per individuare l’azienda serviranno circa 4 mesi, poi 9 di lavori. Non sono previste chiusure. Poi potranno percorrerlo anche i camion

I guai dal 2017

Il sindaco Mario Landriscina si era insediato da pochi giorni in Comune, quando si era trovato sulla scrivania una relazione che conteneva dubbi sulla sicurezza dell’infrastruttura aperta nel 2003. I problemi più importanti alla tenuta della maxi opera erano stati registrati nell’estate del 2017, dopo l’ennesima segnalazione da parte dell’ufficio tecnico. Troppi rischi e necessità di un intervento radicale era stato il verdetto delle ultime verifiche che avevano portato a disporre uno stop totale per una prima tranche di interventi e poi il divieto ai mezzi pesanti che è in vigore ancora oggi.

Il progetto di sistemazione complessiva comprende, oltre al ripristino degli appoggi delle travi con adeguamento alle norme sismiche anche una passerella metallica per le ispezioni della struttura sulla linea Rfi Milano Chiasso. Come detto ora verrà avviata la gara per l’individuazione dell’azienda che dovrà fare i lavori.

Tra pubblicazione, selezione, verifiche, stipula del contratto e controllo delle certificazioni ci vorranno circa quattro mesi di tempo. A questi si dovranno aggiungere i nove mesi di lavori previsti dal progetto. L’ex assessore ai Lavori pubblici Vincenzo Bella , che ha seguito tutta la partita, aveva garantito in più occasioni che non sarebbe stato necessario chiudere il viadotto durante il cantiere e, proprio per questo, la durata dell’intervento è più lunga. Del resto sarebbe impensabile pensare di tenere chiuso per mesi, durante l’anno, un collegamento utilizzato ogni giorno da migliaia di veicoli. Uno stop totale, se si dovesse rendere necessario, sarebbe eventualmente limitato a singole giornate oppure durante la notte.

Tempo stimato: 270 giorni

L’azienda che si aggiudicherà i lavori, in base al progetto, avrà per la precisione 270 giorni di tempo per concludere l’intervento. Facendo i conti e salvo ulteriori imprevisti, che già hanno fatto slittare i tempi in avanti di alcuni mesi, i primi mezzi pesanti dovrebbero iniziare a poter passare tra un anno esatto. Con l’ultimazione dei lavori verranno, ovviamente, rimosse le barriere in cemento armato che delimitano gli accessi, anche se puntualmente ci sono autotrasportatori che cercano di forzare il blocco rimanendo poi incastrati. Fino ad allora dovranno essere mantenute in tutti i punti di accesso, compreso quello del collegamento da via Del Lavoro.n
G. Ron.

© RIPRODUZIONE RISERVATA