Segna la macchina con un pennarello e la accusa di avergli rovinato lo specchietto, ma l’anziana smaschera la truffa

Mozzate La donna ha sentito un colpo, poi è stata seguita per due chilometri sulla Varesina. La figlia: «L’uomo alla guida diceva che le aveva rotto lo specchietto e le ha chiesto 160 euro»

Segna la macchina con un pennarello e la accusa di avergli rovinato lo specchietto, ma l’anziana smaschera la truffa
L’auto sporcata con una striscia nera per simulare l’incidente

Mette in fuga il truffatore dello specchietto che l’aveva inseguita in auto per un paio di chilometri e che, sino alla fine, ha cercato invano di convincerla a dargli dei soldi. Ma la 75enne presa di mira, nonostante l’elaborata truffa che il malvivente aveva orchestrato, non ha abboccato all’amo, riuscendo appunto a metterlo in fuga.

«Mia madre era andata a svolgere delle commissioni nella zona della stazione ferroviaria, dove aveva parcheggiato la sua utilitaria - racconta la figlia – pensiamo quindi che il truffatore le abbia segnato l’auto con un pennarello, con l’obbiettivo di provare appunto a convincerla d’essere rimasta coinvolta in un incidente in cui avrebbe danneggiato lo specchietto di un’altra vettura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA