Spesso per le nostre notti insonni dobbiamo incolpare il cibo: ecco perché

Approfondimento Un italiano su sette lamenta una qualità insoddisfacente del sonno. Il cibo rappresenta una delle concause. Alcuni alimenti contribuiscono a regolare il ritmo circadiano: ecco perché una dieta corretta può essere d’aiuto

Spesso per le nostre notti insonni dobbiamo incolpare il cibo: ecco perché
Chiara Boscaro, biologa nutrizionista presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza

Sono in costante aumento gli italiani che dormono male. Secondo le più recenti statistiche un italiano su tre dorme un numero insufficiente di ore e uno su sette riporta una qualità insoddisfacente del sonno. Sono diverse le motivazioni che possono causare insonnia o difficoltà ad addormentarsi e, anche se molti sottovalutano questo aspetto, anche l’alimentazione gioca un ruolo importante.

«Sonno e alimentazione sono processi fondamentali per la nostra esistenza – spiega Chiara Boscaro, biologa nutrizionista presso gli Istituti clinici Zucchi di Monza e Istituto clinico San Siro di Milano –. A volte, quindi, non mangiare nel modo corretto non facilita il sonno. Dormire contribuisce al recupero fisico e mentale, ma durante il sonno entrano anche in gioco dei fattori ormonali ed enzimatici che sono correlati alla nostra capacità di metabolizzare gli alimenti e a regolare il senso di fame e di sazietà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA