Quatar pass con... Rapinese. La seconda puntata della videointervista

Parte 2di 6 Le periferie da salvare, lo sport da promuovere e le prime esperienze politiche, così Alessandro Rapinese si racconta, tra dimensione pubblica e privata.

08:31
>

Le periferie di Como e il problema dello spaccio preoccupano il nuovo sindaco, che ne parla nella seconda puntata della videointervista realizzata da La Provincia.Alessandro Rapinese si dice però pronto a rimboccarsi le maniche per «far sì che questo problema abbia il minor impatto possibile sulla città».

Secondo Rapinese la droga si combatte offrendo, soprattutto ai giovani, spazi e opportunità. Nella sua storia personale - racconta - lo sport potrebbe aver rivestito un ruolo fondamentale nel tenerlo lontano dalla droga, che pure ha avuto un impatto devastante sulla sua famiglia, causando la morte del fratello: ecco perché occorre tutelare le realtà sportive del territorio. La battaglia con la droga ora gli si ripropone, ma questa volta dovrà affrontarla nelle vesti di sindaco: «sarà fondamentale l’alleanza col Prefetto di Como, che stimo».

E poi dal pubblico si torna al privato, due piani di vita strettamente intrecciati per Rapinese, che già ai tempi della scuola superiore, il Setificio di Como, si era tuffato nel mondo della politica. La lista di cui faceva parte allora si chiamava “Polenta Uncia”, ma le idee di fondo non erano poi così diverse da quelle di oggi...

A partire da domani le puntate della videointervista saranno disponibili solo per gli utenti registrati: per registrarsi gratuitamente basta cliccare su questo link.

© RIPRODUZIONE RISERVATA