Demanio, varato un piano da 25 milioni  «Uffici pubblici alla De Cristoforis»
La caserma De Cristoforis, già sede dell’11 reggimento fanteria dell’Esercito

Demanio, varato un piano da 25 milioni

«Uffici pubblici alla De Cristoforis»

Il Demanio ha deciso di far rinascere la caserma: «L’operazione prevede di trasferire all’interno della caserma De Cristoforis diverse amministrazioni dello Stato attualmente in affitto. L’obiettivo è rendere di nuovo funzionale un immobile sottoutilizzato»

Como

«L’operazione prevede di trasferire all’interno della caserma De Cristoforis diverse amministrazioni dello Stato attualmente in affitto. L’obiettivo è rendere di nuovo funzionale un immobile sottoutilizzato, ridurre la spesa pubblica e offrire un servizio più efficiente alla collettività». Così l’Agenzia del Demanio spiega a La Provincia il maxi progetto - investimento da 25 milioni - per far rinascere la caserma di piazzale Montesanto.

Lo studio di fattibilità è già in corso e sarà ultimato entro qualche mese, il piano prevede di trasferire alla De Cristoforis la Prefettura (oggi in via Volta), l’Agenzia delle entrate (via Cavallotti), Questura e Polizia (viale Roosevelt), la Commissione tributaria (via Italia Libera), l’Archivio di Stato (via Briantea), la Direzione del lavoro (via Bellinzona).

Tutte le realtà citate pagano canoni d’affitto elevati per le sedi in città (tranne l’immobile utilizzato dalla Questura, di proprietà dello Stato). Di qui l’idea di lasciare gli edifici per sfruttare la caserma, quasi vuota.

L’approfondimento su La Provincia in edicola lunedì 27 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA