Martedì 10 Giugno 2014

I resti dell’aereo precipitato

tornati all’hangar di Como

I rottami dell’idrovolante precipitato a Premana sono stati riportati all’Aero Club

Scortati da un’auto dei carabinieri e dopo un viaggio di quasi due ore, lungo 70 chilometri di strade, i resti del Cessna precipitato a Premana sono arrivati martedì sera all’hangar di Como.

La magistratura di Lecco ha previsto che vengano conservati nella sede dell’Aero Club, a disposizione del perito incaricato di effettuare accertamenti per comprendere le cause del disastro.

Poco prima delle 19 il camion dei vigili del fuoco di Lecco, dove sono stati caricati i rottami dell’idrovolante, è arrivato sulle rive del lago, nel punto dove la mattina prima il Cessna era decollato per un volo di piacere e di gioia. Con Pietro Brenna, 33 anni comasco, ai comandi. E Adele Croci e il marito Franco Gianola, a bordo per un’esperienza che sognavano da tempo.

All’arrivo di ciò che rimaneva del Cessna precipitato lunedì in Val Varrone i responsabili dell’Aero Club hanno fatto entrare rapidamente il camion dei pompieri. Quindi le porte dell’hangar sono state chiuse. Un momento di forte commozione.

Altri servizi e testimonianze su La Provincia di mercoledì

© riproduzione riservata