Venerdì 18 Aprile 2014

Ingegneri comaschi inventano

l’app che piace a Microsoft

Sergio Baccilieri

Como

Quattro ingegneri comaschi inventano una agenda interattiva, ora la start-up verrà lanciata da Polihub, Como Next e Microsoft. Fluxedo è un social task manager che semplifica la vita, un organizzatore di flussi, appuntamenti, compiti, per gestire qualsiasi tipo di attività tramite smartphone. È un lavoro scaturito dalle tesi di laurea in ingegneria informatica di Filippo Bianchi e Davide Ripamonti, a cui si è aggiunto l’ingegnere gestionale Andrea Vaccarella, con la supervisione del docente Marco Brambilla. «Se un manager deve organizzare una riunione aziendale» spiega Andrea «dovrà per esempio incastrare gli orari dei partecipanti, prenotare una sala, dare tempistiche per le presentazioni. Telefonando ad ognuno, oppure inviando sms, tutto diventa complesso e macchinoso. Il nostro sistema invece mette in rete il gruppo dividendo compiti e informazioni».

Non è una semplice lista della spesa, Fluxedo può stabilire chi deve prenotare la sala riunioni, una volta prenotata arriverà nella modalità prescelta la notifica agli altri partecipanti. «E’ solo un esempio» racconta ancora Andrea «Ma Fluxedo può valere per qualsiasi genere di attività. Un viaggio: chi prenota il volo, dove andare, quando, come si arriva all’aeroporto. Per gli adolescenti vale per organizzare una festa, un concerto, una serata, una partita a calcetto, ogni cosa». Il sistema informatico può integrare anche altre funzioni, magari una mappa interattiva per gli spostamenti, oppure una guida turistica, ancora un elenco dei prezzi. Tutto, comunque, è a portata di click. «Il target della possibile utenza è vasto» dice Brambilla «Vogliamo porci l’obiettivo di essere più utili nell’organizzazione rispetto a programmi di comunicazione come Whats App o ai semplici sms. Abbiamo già partecipato ad alcuni bandi, attraverso la Camera di Commercio siamo stati selezionati da Como Next. Risultiamo tra i cinque progetti scelti da Polihub, l’incubatore delle start-up del Politecnico. Anche Microsoft ci ha offerto il suo sostegno».

Il colosso americano fornirà ai quattro giovani comaschi l’uso gratuito di ogni tipo di software, un aiuto potente. «Adesso la sfida è creare una vera società» prosegue Brambilla «Così potremo sfruttare i bandi e lanciare davvero la nostra start-up. Già oggi incontreremo possibili finanziatori interessati». Pronti, partenza, via: forse mezzo mondo presto scaricherà un’applicazione nata nel Polo territoriale di Como.

Il sito, http://www.fluxedo.it , è già online, basta guardare l’homepage per avere idea della schermata che comparirà sugli smartphone che utilizzeranno questa nuova agenda interattiva.

© riproduzione riservata