Primavere Pop, sguardo al futuro

Mascaro, progettista di esperienze

Oggi alle 18 al Sociale (Sala Bianca) l’incontro con il giovane fondatore di “Sketchin” . Domani a Lecco il pedagogista Mantegazza parla del rapporto genitori-figli

Primavere Pop, sguardo al futuro Mascaro, progettista di esperienze
Il pubblico al primo incontro delle Primavere Pop in Sala Bianca

Luca Mascaro è un designer, ma un designer particolare. Progetta esperienze. Oggi alle 18 nella sala bianca del Teatro Sociale sarà protagonista del secondo appuntamento con Le Primavere Pop, gli incontri dedicati agli studenti delle superiori e dell’università. Mascaro ha 32 anni e da più di dieci ha avviato l’esperienza divenuta il suo lavoro. Nel 2006 ha creato “Sketchin”, uno studio di design a Lugano che ha lavorato o sta lavorando in Italia, in diversi paesi europei, Giappone e Stati Uniti: offre la progettazione di servizi digitali a piccole e grandi aziende. Tra le altre, ha lavorato con Google, Yahoo, eBay, Moleskine, Eni, Rcs, Mtv e Swisscom.

«Studio, progetto, vivo esperienze di prodotti», spiega. Suggerisce alle aziende di provare a comprendere quale esperienza fanno i loro clienti attraverso i prodotti e servizi che offrono, e in tal modo propone di rivedere cosa possono offrire e in che modo. La sua attività si basa su un postulato: le persone non sono attente solo alla qualità e al prezzo di prodotti e servizi ma cercano belle esperienze di utilizzo di quegli stessi prodotti e servizi.

Intanto domani sera a Lecco per le “Primavere” lecchesi, incontro con il pedagogista Raffaele Mantegazza che affronterà il tema “figli e genitori, prospettive di dialogo oltre i luoghi comuni”.

L’incontro è alle 20.45 al Teatro della Società (piazza Garibaldi 10). Ingresso libero, prenotazione sul sito www.leprimaveredilecco.it . Clicca qui per prenotare

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}