Cambia la bolletta. Anche a Como il conto del gas arriverà ogni mese

Tariffe Addio alla tradizionale fatturazione bimestrale per le famiglie che ancora accedono al mercato tutelato. Perrone (Acel Energie): «A favore i due terzi dei clienti»

Cambia la bolletta. Anche a Como il conto del gas arriverà ogni mese
Ieri nuova risalita del prezzo del gas: 207 euro al megawattora

Le bollette del gas potranno arrivare ogni mese e non più ogni due come avviene oggi. Una sorta di rateizzazione che permetterà di spalmare più facilmente le spese nell’arco del tempo e di non gravare troppo sui bilanci familiari, ora che il prezzo del metano è letteralmente alle stelle.

È con questo intento che l’Autorità per l’energia ha previsto la nuova possibilità di fatturazione mensile per le famiglie che ancora accedono al mercato tutelato (circa 7,3 milioni di clienti domestici, pari ad oltre un terzo dei 20,4 milioni totali). E su questo tema è da mesi al lavoro Acel Energie, la società del gruppo Acsm Agam (da ottobre Acinque) a cui fa capo il brand Enerxenia.

«Durante l’estate abbiamo svolto un sondaggio su un campione dei nostri clienti e l’esito è stato chiaro - dice Giovanni Perrone, amministratore delegato di Acel Energie (la cui nuova denominazione sarà Acinque Energia) - i due terzi degli intervistati ha dichiarato di preferire la fatturazione mensile e questo sostanzialmente per la possibilità di una migliore pianificazione delle spese familiari e soprattutto di un maggiore controllo dei consumi».

Modificando la recente delibera dello scorso luglio con cui ha disposto le nuove modalità di aggiornamento del costo della materia prima, l’Autorità ha tenuto conto «dell’esigenza di prevedere una maggiore periodicità di fatturazione nell’ambito del servizio di tutela, così da permettere ai clienti finali di conoscere più frequentemente la propria spesa e di redistribuire i pagamenti delle bollette su più mesi».

Una decisione presa dopo apposita consultazione su suggerimento dell’Unione nazionale consumatori e che va ad integrare proprio quella arrivata in estate, in piena esplosione dei prezzi, con lo scopo di rendere più sicure le forniture. In vista della partenza, il primo ottobre, del prossimo anno termico, si stanno infatti acuendo le criticità per i venditori nel reperire sui mercati all’ingrosso il gas necessario a soddisfare i propri clienti, anche domestici.

L’indicizzazione

Non è l’unica novità in arrivo per i consumatori. Sempre dal primo ottobre entra in funzione un nuovo meccanismo di indicizzazione delle tariffe del gas. Di fronte all’impennata delle quotazioni del gas (ieri nuova risalita a oltre 200 euro, ma ad agosto era ben oltre i 300), per intercettare in modo immediato le eventuali iniziative nazionali ed europee di contenimento dei prezzi, l’Arera aveva già deciso di sganciarsi totalmente dal Ttf di Amsterdam, non utilizzando più come riferimento le quotazioni a termine del mercato all’ingrosso internazionale, ma la media dei prezzi effettivi del mercato PSV italiano. Anche l’aggiornamento delle tariffe diventerà quindi da quest’autunno mensile, non più trimestrale e sarà ex post e non più ex ante come avvenuto finora.

L’aggiornamento

Alla fine di questo mese, saranno quindi aggiornate solo le tariffe della luce per i consueti tre mesi, mentre per stabilire il prezzo del gas del solo mese di ottobre bisognerà aspettare i primi giorni di novembre. Allo stesso tempo le imprese potranno, se pronte, fatturare con cadenza mensile e non più bimestrale.«Mentre in passato il prezzo del gas per il trimestre ottobre-dicembre era fissato ad agosto e quindi ogni consumatore sapeva in partenza quale sarebbe stata la tariffa - dice ancora l’ad di Acel Energie - ora i prezzi verranno aggiornati di mese in mese». Nell’attesa, evidentemente propria dell’Authority, che vi sarà un calo dei prezzi nei prossimi mesi.si.

© RIPRODUZIONE RISERVATA