Erba, contrordine sui pazienti cronici
I 1400 vaccini si fanno al Fatebenefratelli

Ats ha rivisto la decisione di indirizzarli negli hub. Le telefonate dell’ospedale per le convocazioni: si inizia il 26 aprile

Erba, contrordine sui pazienti cronici I 1400 vaccini si fanno al Fatebenefratelli
L’arrivo di un paziente al pronto soccorso dell’ospedale di Erba
(Foto di Stefano Bartesaghi)

La notizia è arrivata lunedì 19 aprile, dopo che in un primo momento Ats Insubria aveva deciso di indirizzare tutti negli hub. Il fine settimana precedente, l’ospedale ha annunciato che i propri pazienti cronici e fragili sarebbero stati inviati negli hub di riferimento sul territorio: il Fatebenefratelli si era offerto di inoculare le dosi in struttura, come è stato fatto per i docenti, ma le autorità sanitarie avevano deciso diversamente. Lunedì 19, come detto, il dietrofront. «Dopo un’ulteriore verifica con Ats Insubria - spiega il direttore sanitario dell’ospedale di Erba, Pierpaolo Maggioni - abbiamo ottenuto di poter vaccinare i “nostri” pazienti cronici e fragili. Dal 26 aprile, secondo un piano che concorderemo con Ats e che dipende dalla disponibilità dei vaccini, inizieremo a vaccinare circa 1.400 persone che si rivolgono al Fatebenefratelli per patologie croniche». La convocazione arriverà dall’ospedale. «Non appena definita la programmazione, contatteremo direttamente le persone per fissare l’appuntamento per il vaccino».Intanto Lariofiere prosegue con otto linee vaccinali nella somministrazione delle dosi AstraZeneca agli over 70 del territorio ed eventualmente ai fragili in carico ad altre strutture. Nel corso del fine settimana, i volontari della protezione civile hanno effettuato alcuni lavori interni per ricavare maggior spazio nella zona riservata all’accettazione: gli interventi sono stati effettuati nel corso della notte per non interferire con le attività diurne.Se la campagna vaccinale prosegue senza intoppi, a Erba il numero dei nuovi positivi resta sempre sotto quota cento: lunedì 19 erano 96, le persone in quarantena 29.Resta intanto la preoccupazione per le ripercussioni fisiche e psicologiche delle persone che sono state malate gravi. Il Fatebenefratelli ha avviato il progetto “Ricominciare”, un poliambulatorio multidisciplinare per fornire un’assistenza integrale che guardi al corpo e alla mente. Per prenotare una visita con uno specialista psicologo, gli utenti possono telefonare al numero 02-924.16.434 o inviare una mail a [email protected] I consulti sono gratuiti, chi volesse sostenere l’iniziativa come donatore può farlo attraverso il sito www.fatebenefratelli.it.

(Luca Meneghel)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}