Lunedì 09 Gennaio 2012

Violentata in piazza Duomo
Caccia al maniaco nella notte

COMO Brutto episodio di violenza sessuale l'altra notte poco prima dell'alba in piazza del Duomo, sotto i portici.
Una donna di quarant'anni residente in centro città, in un appartamento non lontano dal luogo dell'aggressione, ha denunciato di essere stata avvicinata da uno straniero mentre rincasava e di essere stata costretta a un rapporto sessuale sotto la minaccia di un coccio di vetro.
L'allarme è scattato attorno alle 4, quando il 118 e la polizia hanno ricevuto la telefonata del compagno della vittima, che nel frattempo era riuscita ad arrivare fino a casa. Pochi istanti dopo, all'ombra del Broletto incrociavano già ambulanza e volanti, sulle tracce di un maniaco scomparso nel nulla, inghiottito nell'ultimo buio prima del sorgere del sole.
L'identikit è quello di un uomo di età variabile tra i 25 e i 30 anni, probabilmente straniero, forse di un paese dell'est Europa, alto circa un metro e ottanta, con indosso un paio di jeans e un giubbotto scuro.
La vittima, che è stata anche medicata al pronto soccorso dell'ospedale Valduce, sostiene di essere stata costretta a un rapporto orale. Sotto i portici di piazza Duomo, oltre agli agenti delle volanti, sono così arrivati anche i colleghi della scientifica, che a quanto pare avrebbero repertato del materiale organico. Non si sa se sarà possibile servirsene per risalire a un profilo genetico, di sicuro però si tratta di una prova diretta del fatto che un rapporto si è realmente consumato. L'episodio è maturato al termine di una nottataccia davvero difficile, in centro storico, sia pure per ragioni meno gravi.

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola lunedì 9 settembre

a.savini

© riproduzione riservata