Lurati, c’è un comasco
per i sogni del Sion

Dallo scudetto U17 con il Como all’Europa League: il dirigente di Olgiate ora fa il team manager in Svizzera.

Lurati, c’è un comasco per i sogni del Sion
Due comaschi: Eugenio Lamanna (Genoa, a sx) e Christian Lurati (Sion)

Dallo scudetto con gli Under 17 del Como, all’Europa League con il Sion, sempre nel ruolo di team manager. Christian Lurati, 44 anni di Olgiate Comasco, sta vivendo intensamente la sua nuova esperienza nel calcio svizzero di primissimo livello, nella squadra terza in classifica in serie A.

Lurati è uno dei tanti italiani scelti dal vulcanico presidente Cristian Costantin e dal suo braccio destro, Marco Degennaro - un passato anche a Como come direttore generale - per affrontare la stagione.

L’allenatore è Paolo Tramezzani, ex vice di De Biasi alla guida della Nazionale albanese, il suo secondo è Mirko Conte, nello staff ci sono un medico e due fisioterapisti italiani, in squadra l’attaccante Acquafresca e il difensore Dimarco.

La squadra è appena tornata da un miniritiro a Diano Marina, culminato con l’amichevole disputata a Imperia contro il Genoa, persa 2-0: «Ho salutato con piacere il mio amico Euguenio Lamanna - dice Lurati di ritorno dalla Liguria -, abbiamo parlato tanto di Como e del nostro calcio…».

A Sion, Lurati si occupa della logistica, della programmazione. Ed è il trait d’union tra squadra e società: «Tramezzani aveva bisogno di una figura di questo tipo, che stesse fissa a Sion: voleva un italiano che conoscesse il calcio svizzero».

L’intervista integrale sulla Provincia di mercoledì 11 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}