Como Nuoto, che brutto colpo
Perde anche Pallanuoto Como

Niente da fare contro la corazzata Bologna, ora si pensa alla sfida salvezza con Padova. In serie B occasione sprecata per i gialloblù

Como Nuoto, che brutto colpo Perde anche Pallanuoto Como
Predrag Zimonjic, coach della Como Nuoto
(Foto di Cusa)

DE AKKER BOLOGNA – COMO NUOTO RECOARO 10 – 3

DE AKKER BOLOGNA: Ghiara, Pliskevic (1), Martelli (1), Baldinelli, Ramacciotti, Bagnari, Guerrato (4), Spadafora (1 su rigore), Pasotti, Pozzi, Cocchi (1), Cecconi, Boggiano (2). All.: Perez.

COMO NUOTO RECOARO: Viola, Lava, Bet, Rosanò (1), Casadio, D’Antilio (1), Beretta, Gennari, Ciardi (1), Pellegatta, Marchetti, Fusi, Cassano. All.: Zimonjic.

Arbitri: Doro e Romolini.

NOTE: parziali: 4-0, 2-1, 2-1, 2-1. Sup.num.: De Akker Bologna 6 su 9, Como Nuoto Recoaro 1 su 7. Usciti per falli Cassano (CN) nel s.t. e Baldinelli (DA) nel q.t.. Rigore fallito da Spadafora (DA) nel s.t. (palo), e dalla Como Nuoto nel q.t. (parato).

BOLOGNA – Il primo scontro della storia tra la De Akker Bologna e la Como Nuoto si chiude con la netta vittoria dei padroni di casa. Il recupero dell’ultimo turno del girone d’andata consente alla squadra allenata da Amauris Perez di mantenere il vento in poppa, con sei vittorie su altrettanti incontri disputati. Ora la De Akker dovrà disputare in acque amiche anche le prossime due partite ed è molto probabile che con grande anticipo ottenga il primo posto matematico nel girone.

Né la matematica né l’astrologia sembrano invece poter aiutare la Como Nuoto: la penultima posizione non è blindata, la terz’ultima è una chimera ed il futuro è ancora da decifrare. Dopo un primo tempo a trazione esclusivamente bolognese il timore poteva essere quello di un crollo verticale dei giocatori lariani. Sul 4-0 frutto della doppietta di Guerrato, del rigore di Spadafora e di un bell’alzo e tiro di Cocchi, Viola resta in cattedra. Dovremmo dire “sale in cattedra”, però l’estremo difensore comasco già sabato scorso aveva impedito l’umiliazione comasca parando molto bene: dopo il poker bolognese, Viola estrae dal cilindro almeno quattro interventi decisivi e cerca di sollevare il morale ai suoi.

E sembra avercela fatta: Ciardi segna dal centro (4-1) e Beretta purtroppo fallisce una doppia opportunità in superiorità numerica. Guerrato trova una palomba deliziosa su Viola in uscita disperata (5-1) e doppia di lì a poco dalla distanza. Dopo la prima frazione, le seguenti si chiudono sempre col medesimo parziale (2-1), anche nel terzo tempo è la Como Nuoto Recoaro ad andare in gol con l’uomo in più, segna D’Antilio (6-2), ed a sprecare altre due opportunità prima che il copione del match prenda la solita, inesorabile direzione. L’unico asse a resistere alle intemperie bolognesi è quello formato da Viola e Ciardi. Quest’ultimo ottiene prima un rigore, poi fallito dai lariani, ed un’espulsione a favore. La partita però era finita da un bel po’, tra tiri senza convinzione, retropassaggi a metà campo, scarso movimento in attacco.

Un campionario di tutto quello che non vogliamo vedere fra sette giorni, perché battere Padova a Monza non è più solo una questione di classifica, ma anche di senso dell’onore da ritrovare al più presto.

Intanto, in serie B, occasione sprecata dalla Pallanuoto Como, battuta 10-9 in dalla Pallanuoto Bergamo. A lungo in vantaggio, la squadra di coach Kiss ha subìto la rimonta e, nel finale, la rete del ko.

Ora lungo stop per i comaschi, che riposeranno l’1 maggio e torneranno in acqua il 15 maggio contro il Cus Geas Milano. Classifica: Cus Geas Milano, Pallanuoto Bergamo, Sporting Lodi e Pallanuoto Como 6; Nc Monza 3.

© RIPRODUZIONE RISERVATA