Angelica oggi avrebbe 30 anni: una festa per aiutare la ricerca

Il ricordo “Angie White party”, oggi - sabato - alla Serenella, per il trentesimo compleanno di Angelica, scomparsa nel 2018 a causa della fibrosi cistica

Angelica oggi avrebbe 30 anni: una festa per aiutare la ricerca
Angelica Angelinetta, a destra, con la sorella Serena

Angelica, ovviamente, è Angelica Angelinetta, la giovane di Dongo strappata alla vita a soli 26 anni nell’ottobre 2018 dalla fibrosi cistica, simbolo di impegno sociale nella sua strenua battaglia per la vita a favore di tutti.

Tra le tante iniziative da lei promosse per la causa della ricerca, la Marafibrositona rimane l’autentica perla, per coinvolgimento ed emozioni.

Un evento con migliaia di partecipanti ammassati rimane tuttavia ancora inconciliabile con le norme anti-Covid.

«A quanti manca la mitica Marafibrositona? – si chiede la sorella Serena, sempre al fianco di Angelica nell’organizzazione in ogni iniziativa – Abbiamo voluto trovare comunque un modo per ritrovarci. Più saremo e più fondi raccoglieremo per la Fondazione ricerca fibrosi cistica: è il miglior regalo che possiamo fare ad Angi per i suoi 30 anni».

Dalle 17 ci sarà intrattenimento per bambini con gonfiabili, laboratori e trucca bimbi; dalle 20.30 baby dance; alle 21.30 si esibiranno i Black Shiver in concerto e ; alle 22.30 dj set con Ricky Nobili, Barria, Kaiser V e spettacoli vari.

«Abbiamo pensato alle passioni di Angelica e troverete pertanto i food trucks di Masterciatt, il pesce fritto, il sushi, dell’ottimo gelato e la bancarella dei dolci – osserva ancora Serena – La musica è un’altra delle grandi passioni che ci ha trasmesso papà fin da piccole: durante la festa per i trent’anni di Angie si esibiranno pertanto gli amatissimi Black Shiver, con cover che ci faranno cantare a squarciagola».

Angelica – così viene ricordata dalla Fondazione nazionale ricerca fibrosi cistica – era nata nel 1992. Testimonial e volontaria della Fondazione, è stata alla guida della delegazione di Dongo, sempre in prima linea per far sostenere la ricerca.

Una battaglia condotta con una tale energia e determinazione che ha permesso a molti di conoscere questa giovane battagliera e per nulla rassegnata.

La fibrosi se l’è portata via il 21 ottobre 2018, ma il suo ricordo è ancora forte e vivo in quanti hanno avuto la fortuna e l’onore di conoscerla.

«Fare del bene fa bene» era il suo motto e lei si spendeva al massimo per poter raccogliere fondi da destinare alla causa.

Il ricavato della festa dei trent’anni di Angie verrà devoluto a favore di uno dei progetti di ricerca in fibrosi cistica adottati dalla delegazione di Como–Dongo, affinché in un futuro il più prossimo possibile la fibrosi cistica diventi una malattia guaribile.

Perché questo era l’obiettivo di Angelica che oggi sarà più che mai presente alla festa della Serenella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA