Barni, parco e busto per Albertoni  «Il suo esempio è con noi»
Il busto dedicato a Ettore Albertoni scoperto domenica mattina nel parco vicino al municipio (Foto by Gandola)

Barni, parco e busto per Albertoni

«Il suo esempio è con noi»

L’omaggio di sindaci e istituzioni al professore scomparso a inizio luglio 2018

«Un grande lombardo», «Uomo dalla grande umanità», «Vicino al territorio». Domenica 20 giugno a Barni è stato inaugurato un busto e il parco dedicati alla memoria del professor Ettore Albertoni, assessore in Regione e presidente del consiglio regionale, politologo e docente di storia delle dottrine politiche, e molto altro ancora, mancato a 82 anni il 4 luglio 2018. Presenti la quasi totalità dei sindaci e la autorità civili della zona. A fare gli onori di casa Mauro Caprani sindaco di Barni: «Albertoni era apprezzato da tutti, era un uomo di spessore e cultura, aveva il piacere di trasmetterti quello che lui aveva imparato sulla sua pelle. Per me è un enorme piacere che anche Rezzago gli abbia dedicato un parco». Il presidente provinciale Fiorenzo BOngiasca ha ricordato che Albertoni teneva a essere riconosciuto come professore: «Perché, diceva, gli assessori passano ma i professori restano». Il prefetto Andrea Polichetti ha sottolineato un aspetto importante: «Non ho avuto il piacere di conoscere Albertoni, sono comunque lieto di aver autorizzato l’intitolazione del parco. Ha servito lo Stato senza servirsene, non ha mai perso il contatto con il territorio come può capitare lavorando nelle istituzioni». Nicola Molteni, sottosegretario agli Interni ha ricordato Albertoni per «avere fatto tanta formazione alla politica. Tra i tanti bravi amministratori che vedo qui davanti in molti ha trasmesso il suo sapere ed è giusto che il ricordo resti alle future generazioni». Emozionato il sottosegretario regionale Fabrizio Turba: « Aveva a cuore il territorio e ha dato una grande mano: grazie Ettore». Il presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi ha ricordato il suo primo giorno in Regione nel ruolo.«Volevo dei consigli e non potevo chiamare altri se non Albertoni, gli ho telefonato dall’auto ad Albavilla e ci siamo intrattenuti fino a Milano, mi ha dato tanti consigli che ricordo con affetto. Era un uomo dal grande senso etico: ci mancherà». C’erano anche le sorelle di Albertoni, Valeria e Loredana: «Ho il cuore pieno di gioia per le parole che ho sentito, ma terrei a ricordare anche l’umanità di mio fratello, era disponibile verso tutti» ha detto Valeria.

(Giovanni Cristiani)


© RIPRODUZIONE RISERVATA