Borghi, che beffa per i pedoni bloccati   Arriva il sottopasso ma sarà troppo corto
Un uomo attende pazientemente di poter oltrepassare la ferrovia

Borghi, che beffa per i pedoni bloccati

Arriva il sottopasso ma sarà troppo corto

La seconda parte dei lavori in corso prevede nel 2022 la costruzione di un tunnel

L’anno prossimo Como Borghi avrà un sottopasso. Poteva essere l’occasione per creare un collegamento sicuro da via Carloni-via Petrarca verso la stazione - e viceversa - per pedoni e ciclisti, finalmente bypassando le sbarre.

Ma nessuno sembra averci pensato: il tunnel collegherà solo la banchina lato stazione con quella centrale a servizio del binario due. Sarebbe bastato prolungare il passaggio sotterraneo di una manciata di metri, farlo sbucare al di là dei due binari (realizzando un altro marciapiedi) e aprire un piccolo accesso pedonale nella recinzione.

Poteva essere la volta buona. Invece il cantiere aperto alla stazione di Como Borghi - che proseguirà l’anno prossimo con la seconda parte dell’intervento - lascerà irrisolto il problema del passaggio a livello che - come peraltro succede lungo tutta la linea che taglia in due la città - tiene in ostaggio per lunghissimi intervalli di tempo i comaschi che hanno la sfortuna di trovare le sbarre abbassate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA