Como Nuoto, altre polemiche  «Aspettiamo atleti di Genova»
La sede contesa

Como Nuoto, altre polemiche

«Aspettiamo atleti di Genova»

Soci, atleti e vecchie gloriein campo per la Como Nuoto:«Senza la sede perderemoatleti e iscritti»

Atleti, nuotatori, vecchie glorie, sono tanti i sostenitori della Como Nuoto che si stanno mobilitando in questi giorni per stare vicini alla società . È notizia di questa settimana che una tra le più famose società sportive comasche ha perso la sua sede storica, quella che portava il suo nome. Al netto di possibili altre dispute legali i giudici, in ultimo appello, hanno sancito che l’impianto andrà alla Pallanuoto Como.

«Io ho scritto a tutti, sindaco, assessori e consiglieri – racconta Cesare Monti, noto ex atleta e socio – ci tenevo troppo. Non posso vedere azzerata per un bando, a ben vedere assurdo, una società storica che ha fatto il bene di una intera città. La Pallanuoto ha vinto la gara quantificando il numero dei suoi tesserati sommati a quelli di una grande società di Genova. Mentre la Como Nuoto ha fatto i miracoli per riuscire a serrare i ranghi e raccogliere le forze per restare nella propria sede. Senza quel luogo perderemo atleti, iscritti. Per una società che offre corsi, attività e tre discipline ovvero nuoto, sincro e pallanuoto». Aprire la piscina con un bando è però un obbligo di legge, la concorrenza in teoria migliora i servizi della città e avere il supporto di realtà esterne non è affatto illegale. Certo in molti notano che ci sono molte altre sedi in città assegnate alle associazioni che non sono ancora state bandite. «E poi si fa presto a distruggere - dice ancora Monti – mentre costruire è un processo lungo e faticoso. Mi pare che il Comune così non dia certezze al futuro dello sport comasco, certezze che invece la Como Nuoto nel bene e nel male garantiva». «Non so se sono stato un buon presidente, di sicuro ho cercato di essere un buon atleta – ricorda Corrado Badò, già alla guida della Como Nuoto – io posso ricordare che quella sede è stata costruita dai nuotatori con i materiali dell’abbattimento della Cortesella. La nostra storia è più antica delle guerre. Basti dire che la Federazione italiana nuoto è nata a Como. Non so quale sarà il futuro, io mi chiedo solo se con la Pallanuoto che ha vinto l’appalto con la società ligure Crocera Stadium arriveranno sul lago migliaia di bambini genovesi oppure no».


© RIPRODUZIONE RISERVATA