Como: superiori in quattro anni   Via libera a Giovio, Setificio e Gallio
Al Giovio i corsi del liceo scientifico e del linguistico

Como: superiori in quattro anni

Via libera a Giovio, Setificio e Gallio

l ministero autorizza la sperimentazione in tre sezioni di altrettante scuole comasche. Selezionate cento classi in tutta Italia. I presidi: «Il futuro? Valuteremo vantaggi e problemi»

Diploma in quattro anni, al via la sperimentazione: il ministero a Como ha scelto il Gallio, il Setificio e il Giovio.

Il ministero dell’Istruzione ha selezionato cento scuole superiori in tutta Italia per fare partire dal prossimo settembre le prime cento sezioni sperimentali di diploma quadriennale, questi studenti arriveranno quindi all’esame di maturità a 17 anni.

Tra gli istituti scelti dalla commissione ministeriale la grande maggioranza, tre quarti, sono licei, soprattutto scientifici, è questo infatti l’indirizzo che partirà al Giovio e al Gallio. Le restanti sono scuole tecniche e professionali, il Setificio per esempio ha costruito un diploma in quattro anni per l’indirizzo chimico, con una particolare attenzione al settore tessile.

Como, con tre scuole selezionate, è uno dei territori più premiati a livello nazionale. «Noi partiamo avvantaggiati – spiega padre Luigi Croserio, coordinatore dei servizi didattici del liceo Gallio – nel senso che già da tre anni nel nostro collegio esiste il percorso quadriennale.».

«Vedremo come andrà la sperimentazione – ragiona Marzio Caggiano, preside del Giovio – abbiamo presentato una programmazione già convincente, ma il dibattito è aperto, valuteremo vantaggi e problemi». Le classi saranno formate al massimo da 25 studenti, in caso di eccedenza di iscrizioni le s

«Dalla metà di gennaio apriremo le iscrizioni per il diploma quadriennale di chimica con curvatura tessile – dice Roberto Peverelli, preside del Setificio – la nostra sperimentazione è tecnica, non liceale. Alla luce degli esiti di questo percorso capiremo se il diploma in quattro anni sarà una strada praticabile per tutti»..

© RIPRODUZIONE RISERVATA