Lago, in sette giorni giù di 15 centimetri E davanti al Tempio spunta la spiaggia
Le lingue di sabbia che emergono nella zona del tempio Voltiano a causa dell’abbassamento del livello dell’acqua del lago (Foto by Pozzoni)

Lago, in sette giorni giù di 15 centimetri
E davanti al Tempio spunta la spiaggia

Il livello ieri era a -35,1, la media è a +39. Allarme nei paesi rivieraschi. Tasell: «Problemi per la navigazione, cedono le rive». In piazza Cavour scala quasi completamente emersa

Una lingua di terra che emerge dal lago e permette di camminare ben oltre la tradizionale spiaggetta del Tempio Voltiano.
Scende sempre di più il lago, che ieri pomeriggio alle 14 ha toccato - 35,1 centimetri sotto lo zero idrometrico, con una quota di riempimento del 2,9%. Sempre in negativo anche il rapporto tra la massa d’acqua in entrata (62 metri cubi di acqua al secondo) e quella d’uscita (96 metri cubi al secondo) così come riportato dal monitoraggio effettuato dal Consorzio dell’Adda. E le previsioni del tempo non sono incoraggianti, visto che le deboli piogge previste per i prossimi due giorni sul comasco potrebbero non essere sufficienti a modificare in maniera significativa il livello del Lario.

Una situazione che comincia a destare qualche problema sia tra gli operatori del turismo che alla fauna lacustre, anche se per il momento nessuno parla ancora di emergenza. Sono però molti i comaschi ed i turisti che hanno notato che il lago è particolarmente basso, tanto che nella centralissima piazza Cavour in molti si sono fermati ad osservare quanto emergano dall’acqua i gradoni solitamente quasi completamente immersi.

A suscitare tanta curiosità anche le spiaggette comparse nelle zone tradizionalmente più basse come quella ai giardini a lago, accanto al tempio Voltiano ed in zona viale Geno. L’altezza del lago è comunque costantemente monitorata. «Il lago basso - dice Gianni Grammatica, detto il Tasell - è un grosso problema non solo per la navigazione che comunque è più difficoltosa, soprattutto perchè diventa complicato raggiungere gli attracchi, ma anche perchè ha ripercussioni negative sulle rive, che stanno infatti cedendo e crollando in più punti».

Leggi l’approfondimento su La Provincia in edicola venerdì 30 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA